Summicron 90/2
IIIa versione

Pp.Ghisetti


Nel 1980 viene presentata la versione totalmente rifatta dello storico Summicron 90/2 SEOOF-M, con cod 11136, e uno schema ottico ridotto da 6 a 5 lenti, con un barilotto di soli 410g di peso, ben 250g in meno della versione precedente. Il paraluce, estraibile, Ŕ inizialmente dotato anteriormente di un gradino e copre la ghiera del diaframma, inoltre il numero di matricola non Ŕ posizionato anteriormente, come al solito, ma nella parte posteriore del barilotto, passo filtri E49. Mdmaf a 1 metro. Made in Canada. E' presente la lunghezza focale dell'ottica riportata alla base del barilotto.
In questo modo l'ottica non poteva essere utilizzata col paraluce abbassato, in quanto questo bloccava la ghiera del diaframma: pertanto nel 1982 dalla matricola 3.177.210 si pass˛ al classico paraluce liscio e il numero di matricola fu riposizionato nella ghiera anteriore, come da tradizione, inoltre il passo filtri fu trasformato in E55, perdendo anche un paio di millimetri in lunghezza del barilotto. Lo schema ottico rimase immutato, mentre scompare la scritta Made in Canada.
Questa versione non possiede la parte anteriore ottica svitabile per Visoflex, contrariamente al suo predecessore.
Da notare che questa versione viene anche comunemente chiamata talvolta e impropriamente IIa versione, anche se tecnicamente sarebbe la Terza, considerando che la primissima versione comprendeva le sottoversioni SOOZI e SEOOF-M, tuttavia essendo il Summicron 90/2 SOOZI-M prodotto solo con passo a vite 39x1 (la baionetta M fu applicata a pochissimi esemplari), si Ŕ ingenerata questa classificazione, unificando spesso le due prime versioni produttive SOOZI e SEOOF-M.








Nel 1992 ne Ŕ stata realizzata una versione Silver, con cod 11137,  col peso portato a 685g, causa il barilotto in ottone,  in almeno 4500 esemplari.
La produzione si Ŕ prolungata sino al 1998, soppiantato poi dalla versione Apo Asferica, vedi qui
 Totale complessivo di circa 30.000 pezzi prodotti.






Le prestazioni a TA non sono eccezionali, con un contrasto medio e buona planeitÓ di campo, da f/4 la resa appare particolarmente ottimizzata in asse, con vignettatura contenuta a mezzo stop a TA. Purtroppo c'Ŕ una caduta di qualitÓ a distanza ravvicinata. La minimizzazione di peso e ingombri, come successo anche in altre ottiche Leica M, porta a prestazioni sotto tono, che verranno rivalutate con l'avvento delle lenti asferiche, in quanto le ottiche per Leica M, necessariamente piccole e compatte, con grandi aperture relative, soffrono di questa riduzione fisica, non riuscendo ad ottenere determinate prestazioni, come ad esempio la versione precedente SEOOF-M. Questa versione forse si apprezza di pi¨ considerando le prestazioni di questa terza versione, e si capisce il lavore del progettista W.Mandler, che pur di creare un obiettivo di alto livello, ha impostato un progetto pesante e ingombrante, ma sicuramente vincente.
Questo assunto Ŕ dimostrato dal Summicron 90/2 R, che, pur possedendo il medesimo schema, grazie a pi¨ generose dimensioni, tipiche delle ottiche per apparecchi reflex, possiede prestazioni nettamente superiori in tutti i parametri.
Inoltre si pu˛ notare che due lenti nel doppietto centrale sono piatte: se questo Ŕ servito a far diminuire i costi, ha tuttavia privato il progettista, sempre Mandler tra parentesi, di usufruire di ulteriori due opzioni per la correzione globale delle prestazioni dell'ottica.
Il nostro Summicron rimane schiacciato nel confronto tra il precedente e il successivo Apo: non possiede la tridimensionalitÓ del SEOOF nŔ tantomeno l'esplosivo contrasto e la super nitidezza della versione Asferica Apo.
Non si tratta assolutamente di un cattivo obiettivo e a f/4-5,6 presenta un'ottima nitidezza, buon contrasto e la tipica brillantezza Leitz-Leica, tuttavia manca di personalitÓ ai primi due diaframmi di lavoro, che costituiscono la principale caratteristica degli obiettivi per Leica. Da consigliare a chi cerca un 90/2 leggero e poco ingombrante, senza l'esasperazione tecnica della successiva versione Apo Asph.