Apo Summicron 90/2 Asph

PP.Ghisetti

Si tratta del terzo obiettivo, in ordine di tempo, di questa focale e luminositą offerto per l'innesto M, focale fondamentale nel trittico di ogni corredo Leica a telemetro.
Il peso si attesta a 500g, contro i quasi 700 della prima versione, mentre la versione silver-cromata del 2002 arriva a 620g, causa i componenti in ottone al posto dell'alluminio.
A partire dal 1998 offerto in quattro finiture:
 - nero, cod 11884;
 - silver, cod 11885;
 - titanio, cod 11632, 500 pezzi;
 - laccato nero, cod 11636, in 1000 esemplari.









Filtri E55, paraluce telescopico incorporato, mdmaf di 1 metro. Il diaframma possiede 11 lamelle.
Quest'obiettivo rappresenta l'apice della moderna tecnologia dei vetri ottici, in quanto nelle 5 lenti, in 5 gruppi,  che compongono lo schema ottico si trovano una lente asferica, due elementi ad alta rifrazione e due a dispersione anomala, il tutto unito ad un montaggio meccanico ai massimi livelli.
Vignettatura visibile a TA, ma quasi scomparsa a f/2,8, distorsione a cuscinetto al 1%.
Coma e curvatura di campo corrette ai massimi livelli.
Grazie alla correzione apocromatica la resa č eccezionale a TA, sia al centro che ai bordi, con totale mancanza di sfrangiature di colore, f/2,8 č gią il vero diaframma di lavoro, mentre a f/5,6 si ottiene una uniformitą centro-bordi mai vista prima in un medio tele. Leggera diminuizione delle prestazioni alle corte-medie distanze.





L'Asferico vive in un empireo a sč stante, molto lontano dalle precedenti due versione dei rispettivi 'fratelli': un pezzo di bravura assoluto ottico-meccanico che tradisce totalmente tutta la precedente esperienza Leitz-Leica in questo settore, dando la precedenza, in modo netto, alla ricerca della definizione e del contrasto gią dalla massima apertura. In questo modo, specie negli anni Novanta, si otteneva il massimo della visibilitą nelle riviste che presentavano i test MTF e i derivati semplificati di questi.
Per la sua resa, quasi impietosa, lo sconsigliamo per i ritratti femminili e di bambini, mentre č adatto ai paesaggi, naturalistici ed urbani, il ritratto etnico, la foto di concerti a TA con bassa intensitą luminosa, situazione ove l'Asferico dą il massimo in b/n, oppure in tutte quelle situazioni in cui si vuole accentuare il contrasto cromatico.
In definitiva un'ottica al limite della perfezione tecnica che deve essere maneggiata ed apprezzata da un fotografo consapevole.