TELE ZOOM  PER  LEICA R
  
  Pp. Ghisetti

 
 
A metÓ degli anni Settanta la Leitz possedeva un accordo commerciale con la societÓ giapponese Minolta, con la quale avrebbe poi prodotto tutta una serie di macchine, come la R-3 e la CL e un nutrito numero di ottiche, tra cui segnaliamo il 16/2,8R, il 24/2,8R e il Telyt 500/8. Pertanto apparve logico e naturale inserire nel catalogo Leitz uno zoom prodotto da Minolta, su specifiche della casa di Wetzlar.
L’evoluzione di questo zoom Ŕ stata costante a partire dal 1974 e comprende 4 modelli, tutti marcati made in Japan, diversi tra di loro per lunghezza focale e apertura relativa.
Vediamoli da vicino.

Vario Elmar 80-200 f/4,5 :


Questo obiettivo rappresenta il primo zoom tele Leitz, introdotto appunto nel 1974, su disegno Minolta.
I parametri tecnici prevedono 14 lenti in 10 gruppi, un peso di 780g (contro gli 830g dell’equivalente Nikkor f/4,5) e una messa a fuoco ad 1,8 metri.
La ghiera di messa a fuoco e di zoommata Ŕ unica, con superficie liscia, mentre il paraluce Ŕ del tipo incorporato telescopico.
Nell’uso pratico si vede chiaramente l’epoca in cui questo zoom Ŕ stato concepito, e che il contrasto elevato maschera una generale mancanza di nitidezza.
L’ottica rimase in produzione sino al 1978.



Vario Elmar 75-200 f/4,5


Nel 1978 questo zoom prese il posto del precedente modello: in pratica si tratta di una riedizione, con una leggera variazione della lunghezza focale, un alleggerimento del peso, ora a 725g, una rivisitazione dello schema ottico (15 lenti in 11 gruppi), oltre ad una messa fuoco pi¨ favorevole, portata a 1,2 metri. Anche questa versione possiede un’unica ghiera, ora zigrinata, per la messa a fuoco e la variazione della lunghezza focale.
La resa ottica Ŕ molto simile alla versione precedente, privilegiando complessivamente il contrasto, anche grazie all’elevato numero di lenti, a scapito dell’incisione complessiva.
E’ rimasto in produzione sino al 1984.



Vario Elmar 70-210 f/4



Nel 1984 appare questa terza versione, sempre prodotta da Minolta, che offre un range di focali leggermente allargato rispetto alle prime versioni, ovvero un 3x.
La luminositÓ passa teoricamente a f/4, ma questa, sulla ghiera dei diaframmi Ŕ collegata alla posizione f/4,5, per cui la reale luminositÓ dell’ottica Ŕ sempre f/4,5.
Il peso scende ulteriormente a 720g, come pure la messa a fuoco, ora ad 1,1m, mentre lo schema ottico, probabilmente grazie all’uso di vetri ad alta rifrazione, viene semplificato, portandolo a 12 lenti in 9 gruppi. La ghiera Ŕ ritornata liscia e il paraluce telescopico Ŕ incorporato.
Si tratta di uno zoom nettamente pi¨ moderno dei precedenti, con definizione molto buona sul tutto il campo delle focali, un contrasto equilibrato e non eccessivo, e una resa dei colori tipicamente Leitz, trasparenti e puliti. Distorsione abbastanza evidente.
Con questo zoom la progettazione e la resa ottica inizia sensibilmente ad avvicinarsi a quella delle focali fisse, anche se queste offrono una maggior correzione generale e, naturalmente, una maggiore luminositÓ relativa.
Il prezzo nel 1992 era di 4.300.000 Lire, ed Ŕ rimasto in produzione sino al 1996.
Di questo obiettivo esiste anche una rara edizione denominata Jesse Owens, che si caratterizza per la firma del famoso atleta olimpico sul barilotto, da accoppiare con l'omonima versione speciale della R4 (vedi scheda).






Vario Elmar 80-200 f/4




Nel 1996 appare questo magnifico zoom, una superba realizzazione Leitz, prodotto sempre in Giappone ma non pi¨ da Minolta. Sulla parte superiore dell’ottica fa bella mostra di sÚ il bollino rosso Leica.
Si tratta di uno zoom completamente diverso dai precedenti: possiede una doppia ghiera di controllo zigrinata, un peso abbastanza elevato di 1,020g, una messa a fuoco a 1,1m e uno schema ottico di 12 lenti in 8 gruppi.
Lo schema ottico Ŕ suddiviso in un gruppo frontale di messa a fuoco composto da due lenti, 4 lenti poi compongono il gruppo per la variazione di focale, poi vengono due elementi che compensano la combinazione posteriore, infine vi sono i 4 elemeti che compongono lo schema ottico di base. Rispetto alla prima edizione f/4,5 si nota nettamente la semplificazione del gruppo posteriore, ottenuta grazie ai vetri speciali.
Anche in questa versione il paraluce telescopico Ŕ incorporato.
La costruzione meccanica Ŕ magnifica, con ghiere perfettamente frizionate, il senso di soliditÓ Ŕ notevole, Ŕ l’ottica, montata su una R9, risulta perfettamente bilanciata, anche se il complesso macchina+obiettivo finisce per pesare non poco.
Grazie all’impiego di vetri speciali a dispersione anomale la resa di questo obiettivo Ŕ impressionante su tutte le lunghezze focali, con un’incisione e un contrasto ottimali. Presente una certa distorsione.
A f/5,6-8 la resa di quest’ottica Ŕ realmente di livello superiore (con solo un leggero calo a 200mm) e si stacca nettamente dai suoi predecessori.
Nel 2002 il prezzo era di 1.900 Euro.
Un’ottica consigliabile senza incertezze a tutti i leichisti che desiderano uno zoom medio-tele.