Mirini  Albada

 

Pp.Ghisetti


Si tratta di una famiglia di mirini introdotta nel 1935, basata sul principio Albada: l'elemento anteriore è semiriflettente, grazie ad un riquadro traslucido, mentre sul posteriore è tracciata una cornice che delimita l'inquadratura. Durante l'uso la cornice appare nitida e luminosa, sovrapposta all'immagine osservata. in modo da vedere il soggetto inquadrato prima che questo appaia all’interno del riquadro stesso. Consigliato proprio per questo per le riprese sportive e definito appunto inizialmente Mirino Sportivo nel catalogo Leitz. Da notare che la cornicetta Albada tende a scolorirsi con l’umidità. Questo tipo di mirino è storicamente importante perchè successivamente ha costituito la base dei mirini della serie M.

Due le famiglie principali, ripiegabili e rigidi a culla.

I ripiegabili possedevano anche lateralmente una rotella per la correzione della parallasse; peso di appena 15g. Molto comodi con i teleobiettivi per una visione immediata ed estremamente compatti una volta ripiegati, hanno avuto una vita abbastanza breve probabilmente causa l’alto costo del sistema di visione Albada, tra parentesi molto utilizzato dalla Zeiss, che ne deteneva il brevetto.

Questi i modelli:

-          SUOOQ per Hektor 2,8cm, risalente al 1934, nero e cromato, più grossi del resto della famiglia, senza leva della parallasse;



-          SAIOO per Hektor 7,3/1,9, nero e cromato, entrambi molto rari, probabilmente la versione nera costruita in pochissimi esemplari;

-          SEROO, per Elmar 9cm, nei cataloghi illustrato anche nella versione nera, in realtà rarissima;

-          SYEOO per 13,5cm; la rarissima versione nera illustrata sotto è da considerarsi a livello di prototipo.

-          SIZOO per Elmar 10,5cm, catalogato solo per un anno, probabilmente mai messo in produzione



Rigidi a culla, non ripiegabili, definiti appunto così dalla forma, in inglese Cradle. Non comuni, in quanto prodotti in un periodo difficile e sostituiti nel dopoguerra dai mirini chiusi.

Introdotti durante la guerra, nel 1943 circa, solo 10g di peso, possiedono la regolazione della parallasse frontalmente, tramite una minuscola levetta. Talvolta forniti anche senza levetta della parallasse.

Questi i modelli:

-          SOODL per 5cm, introdotto nel 1949, ma molto raro;


-          SOOAW, per Hektor 7,3cm, rarissimo, forse non realmente prodotto;

-          SOOLB per Summarex 8,5cm, rarissimo, forse non prodotto realmente;

-          SOOUT introdotto nel dopoguerra, per 9cm;

-          SOOYV per 13,5cm.


-         Complessivamente si tratta di mirini molto belli e ottimamente realizzati, purtroppo abbastanza rari e in alcuni casi, come per il 7,3cm estremamente cari.