Betriebsk

PP.Ghisetti

Con il termine betriebsk, (da betrieb sonder kamera, ovvero fotocamera speciale aziendale) si identificano gli apparecchi che la Leitz destinava ad uso interno, per controlli e valutazioni. Pertanto si tratta di apparecchi mai messi regolarmente in vendita, ma usciti dalla fabbrica in altri modi.
Esiste anche la possibilitÓ che le Leica betriebsk siano state date in valutazione ai vari dealer Leica, per mostrare il nuovo prodotto ai clienti.
Queste macchine possiedono una speciale numerazione, fuori da quella normale identificativa dei singoli modelli: qui ne mostriamo tre esempi, una M2 con quattro numeri di matricola, completa di Leicavit,

 una IIIf con solo tre numeri di matricola

 e una M7 del 2002 col suo numero di matricola inciso sulla staffa. Il fatto che le M7 betriebsk siano state prodotte ufficialmente in 100 esemplari (un numero abbastanza elevato) farebbe suppore che l'ipotesi della distrubuzione ai dealer Leica di una Leica M grandemente innovativa come la M7 possa essere corretta, almeno in questo caso.

Infine una M3 del 1960 con quattro numeri di matricola.

La IIIf sembra essere stata la prima macchina a portare questa incisione.


----------
Tra le fotocamere Betriebsk, ovvero per uso interno, possiamo annoverare anche questa Leica IIIa del 1936 marcata come V.L.W. acronimo di Vereignite LeichtMetallWerke, costruttrice specializzata in metalli leggeri, specie alluminio, situata nel distretto Linden Sud, nelle vicinanze di Hannover.Sue consociate producevano anche oli e carburanti per la LuftWaffe. Ricordiamo infatti che la Luftwaffe verso la fine della guerra, esauritosi il petrolio rumeno, faceva largo uso di benzina sintetica. L'incisione, raffigurante un gabbiano in uno stormo, a suggerire leggerezza e il collegamento con l'Arma Aerea, Ŕ talmente rara e caratteristica, oltre che ben eseguita, che propendiamo per l'autenticitÓ (con cautela, vista l'abilitÓ raggiunta dai falsari odierni), anche perchŔ compare sulle pareti della fabbrica e sulla carta intestata societaria. La fabbrica, che impiegava 3500 persone, dopo il 1942 pass˛ da 1500 addetti di manodopera straniera forzata al doppio. Dopo la guerra fu messa sotto controllo britannico, quale sito di interesse militare.  Comunque la fabbrica continu˛ ad essere fornitrice delle forze armate della BundesRepublik, specie Aviazione e Marina. La societÓ scompare tra il 1993 e il 1998.
Inoltre Ŕ da considerare il fatto che, sicuramente, in un complesso industriale di queste dimensioni, una macchina fotografica di servizio era sicuramente utile se non necessaria, se non altro per documentare i bombardamenti.
Il simbolo Ŕ definito Moewen- Logo, ovvero un preciso tipo di gabbiano, in italiano Gabbiano Reale Mediterraneo, Larus Michahellis.
Cortesia Mauro Scacco.








La raritÓ di questa tipologia di apparecchi non risiede soltanto nella particolare incisione, ma anche dalla considerazione che poche di queste macchine sono sopravissute.

Si tratta pertanto di apparecchi rari e ricercati.