SUPER ANGULON R 21mm f/4





Pp.Ghisetti

Ottica che ha sostituito il Super Angulon 21/3,4 nel 1968, in quanto quest'ultima, a causa del suo schema simmetrico, non poteva adattarsi alla Leicaflex SL con visione reflex e l'uso dell'esposimetro TTL.
Inizialmente prodotto con due camme poi dopo il 1976 con la comparsa dell R-3 con tre camme. Nel FB Leica appare, abbastanza illogicamente, la versione a 3 camme a partire dal 1973.

Composta da uno schema retrofocus di 10 lenti in 8 gruppi, disegnato da Woeltche nel 1966, con cinque elementi a ridotta dispersione e il settimo elemento a bassa dispersione: un progetto molto avanzato per l'epoca per un obiettivo che è stato l'autentico capostipite della generazione di grandangoli di alta qualità.
Il SA possedeva una distanza minima di messa a fuoco di soli 20cm, un peso di 410g, filtri serie 8,5 e un diaframma minimo a f/22.
Codice cat 11813. Paraluce rettangolare a corredo con incasto a pressione nr 12506: consigliamo di usarlo sempre in tutte le occasioni.
Curiosamente è rimasto in catalogo sino al 1993, ma la produzione era già terminata nel 1983.
Come dimostra il nome si tratta di un progetto Schneider, come tutti i quattro Super Angulon per Leica M e R.
Da apprezzare la sua compattezza (notare la differenza col 19mm I° tipo) grazie anche ad un'apertura relativa sapientemente ridotta.

La resa ottica è abbastanza incerta a f/4, con un centro fotogramma tuttavia ottimo, con una buona dose di flare. A f/8 si ha un capovolgimento totale delle prestazioni con ottima incisione sino a 2/3 dell'area inquadrata e netta diminuzione del flare. Distorsione molto bassa per la lunghezza focale intorno al 1,5%. Tuttavia la caratteristica principale di quest'ottica risiede nella bellissima e vivida riproduzione dei colori, molto brillanti e saturi, specie nel rosso.

La produzione si aggira intorno agli 11,000 esemplari.

Occorre considerare che si tratta del primo (ed unico!) grandangolare retrofocus da 21mm per Leica, con problematiche di correzione delle aberrazioni molto complesse per l'epoca in cui fu concepito. In ogni caso un obiettivo frutto della grande tradizione Schneider nel campo delle focali grandangolari, per l'epoca molto riuscito (lo testimoniano i 25 anni in cui è rimasto in catalogo, malgrado l'evoluzione frenetica dei grandangoli) e ancora oggi molto ricercato.