B I B L I O T E C A


L'universo Leica e' estremamente complesso, variegato, elusivo e talvolta ambiguo: non si tratta solo di macchine
e di obiettivi, ma di ingranditori, proiettori, microscopi, macchine speciali, militari, per commemorazioni regali e
talvolta per scopi sconosciuti. Senza contare le centinaia, se non migliaia di accessori, per tutte le possibilità fotografiche possibili e immaginabili.
Naturalmente vi sono ben quattro sistemi fotografici, ognuno dei quali, nel tempo,
ha sviluppato particolari caratteristiche ed inclinazioni, talvolta con sfaccettature impensabili. Una bibliografia
Leica che tenti di coprire l'universo Leica, ci sembra uno dei migliori approcci per cercare di afferrare qualcosa di
inafferrabile e talvolta incomprensibile, sia dal punto di vista tecnico che commerciale.
Ogni libro  è sicuramente un riconoscimento e un atto di amore verso un sistema fotografico unico, di per sè e per come si è sviluppato nel tempo.
I libri proposti sono spesso
reperibili sia attraverso negozi specializzati, fiere mercato, o tramite aste telematiche, e per ciascuno offriamo, oltre ai dati
principali, un nostro sintetico giudizio, derivante da mezzo secolo di esperienza nel mondo Leica.



ELMARIT
PP.Ghisetti e MCavina
Italiano-inglese 180ppgg 2018

Elmarit si aggiunge ai due libri precedenti, sempre dedicato alla nota famiglia di obiettivi Letz- Leica con luminosità f/2,8. Le ottiche discusse sono ben 37.Sono aumentate il numero delle pagine, circa 100 tra schemi ottici, grafici MTF, sezioni e disegni tecnici e 130 illustrazioni magnificamente eseguite. Una disamina come mai accaduto prima di una delle famiglie di ottiche per Leica più amate e usate in assoluto da tutti gli apapssionati, Con note di uso e valutazioni sul campo, in base all'esperienza degli Autori.
Fondamentale



ELMAR
 PP.Ghisetti e M.Cavina
Italiano - inglese, 165 ppgg, 2016

Continuazione del precedente, edito da ACI per Fotocamera di Milano, questo volume è  dedicato alla vasta e variegata famiglia di ottiche con nome Elmar, dai classici del periodo eroico, ai moderni grandangolari, dagli zoom Vario Elmar alle ottiche da riproduzione; il volume si compone di 170 immagini, con 80 grafici, disegni, test MTF. Comprende anche una vasta serie di accessori specifici, come mirini, paraluce, filtri e una completa rassegna del settore Visoflex.
Un'opera unica e fondamentale.


SUMMICRON

  PP.Ghisetti e M.Cavina

Italiano.inglese, 130 ppgg, 2015

Volume composto da 107 immagini tutte a colori completate da 47 schemi ottici e test MTF, con 22 pubblicità d’epoca, che prende in esame l’evoluzione, la storia e la tecnica di tutte le ottiche, e le rispettive varianti, che hanno portato il nome Summicron nel sistema M e R, con valutazioni sul rendimento sul campo. Ricco di notizie di prima mano frutto di ricerche dirette.

indispensabile



100 anni di Fotografia Leica
I grandi Maestri
pagg 190 in italiano
Ed Contrasto 2017
Libro formato A4 prevalentemente d'immagini; dopo una breve introduzione storico tecnica, con un sommario schema dei momenti importanti della storia dell'Azienda, si susseguono vari fotografi, famosi o meno, che hanno fotografato con Leica, divisi per stili e generi. Anche se ne mancano alcuni molto famosi, tra tutti Saglietti e Haas, si tratta di una bella carrellata di immagini. Consigliato a tutti gli appassionati Leica e anche per coloro che considerano gli apparecchi e le ottiche di Wetzlar  giocattoli per ricchi appassionati e collezionisti.
libro strenna



MILITARY LEICA
in lingua giapponese

100 pagg

Interessante pubblicazione in formato A4 sulle Leica militari, sia M che con innesto a vite, di tutti i paesi,sia  belliche che più recenti, di Germania, Inghilterra, USA, Svezia, Israele ecc
.per le varie Armi, Marina, Aviazione, Esercito. Malgrado che il testo sia integralmente in giapponese, si sfoglia volentieri per la ricchissima documentazione tutta a colori delle
varie macchine, e i tanti particolari messi in evidenza. Molto interessanti le delucidazioni anche grafiche e gli schemi ottici dei diversi obiettivi Elcan.Completano la pubblicazione
svariate immagini riprese con Leica anche durante la Guerra del Vietnam. Stampa lucida impeccabile.
Settoriale ma estremamente interessante




LEICA MYSELF
pagg 280   in inglese

  99pagg  Ed Verlag Hamburg

Un volume incentrato sugli autoritratti di tanti fotografi eseguiti con Leica, con tante pose, alcune veramente curiose e originali, e sitazioni diverse e con tanti modelli di Leica. Pochissimo testo di presentazione per ogni autore e almeno un centinaio (se non di più) di immagini sia a colori che in b/n. Tante situazioni, normali e  ricercate, tanti modelli, tanti volti.Un libro autocelebrativo ma che può dare spunti interessanti.

Interessante e curioso



Cartier-Bresson - Germania 1945

Morvan-Savoia

Italiano, 145ppgg,

Edizioni Contrasto 2017

Un volume particolare, metà a fumetto e metà di foto del Maestro francese, sul periodo bellico e la fine della guerra, compresa la tragica detenzione nel campo di Dessau, con Leica e in particolare il Primo modello, come indiscussa protagonista e compagna di avventure del giovanissimo Henri,

molto belli i disegni, chiari e precisi, le immagini uniscono alcuni momenti molto noti ad altri meno famosi ma non per questo meno interessanti.

Molto consigliato, per la sua particolare impostazione



CARTA D'IDENTITA' DELLE LEICA
CARTA DI IDENTITA DEGLI OBIETTIVI LEICA

 Giulio Forti e PP.Ghisetti, edizioni Reflex

t
erza edizione 2012, rispettivamente ampliata a 270 pgg per le macchine (più 25 pgg) e 255pgg (più 15 pgg) per le ottiche. Rispetto al manuale ideato da Sartorius, agile e tascabile, ora le due edizioni si presentano corpose e completamente rifatte. Tutti gli apparecchi e le ottiche del marchio dagli esordi al mondo digitale, compresa la S grande formato. Tutte le compatte digitali e gli apparecchi speciali, con un'ampia sezione di apparecchi a colori.
In più la storia del 35mm, i falsi, i prototipi, numeri di matricola, schemi ottici dei 200 obiettivi elencati, in realtà 400, se si considerano le varianti.
In italiano.

completo ed indispensabile  


.........................................................

1
LEICA, AN ILLUSTRATED HISTORY .Vol I Cameras

J.Lager
Raccolta di tutti i modelli di fotocamere Leica, ricchissimo di impeccabili fotografie in b/n,
con molti particolari, varianti e notizie,molto ricca la sezione riguardante i
prototipi, in inglese,
pagg 320, 1993. fondamentale


 
LEICA, AN ILLUSTRATED HISTORY VOL II .Lenses

J.Lager,
lingua inglese, Identica impostazione del Vol I,dedicato a tutte le ottiche,
molto ricco di particolari e varianti, fonte primaria di inesasuribili ricerche,
.pagg 320, 1994

Fondamentale



 
LEICA, AN ILLUSTRATED HISTORY .VOL III .ACCESSORIES
 J. Lager, in inglese, pagg 352, 1998
Terzo volume della trilogia che copre la vastissima sezione degli accessori per Leica,
sempre ottimamente stampato con centinaia di foto in b/n.
Fondamentale




 
LEICA, STORIA ILLUSTRATA DI TUTTI I MODELLI ED ACCESSORI

P.H Van Hasbroeck

pagg 357, 1990
Copre tutte le macchine, obiettivi ed accessori (almeno i piu' importanti) dei tre principali
sistemi Leica con ottime foto in b/n, in italiano,
La parte migliore e più estesa riguarda la trattazione degli apparecchi e in special modo quelli del sistema a vite 39x1, meno le ottiche, e solo una piccola parte è dedicata agli acecssori.

fondamentale


 
LEICA LENS COMPENDIUM

E.Puts

Uno dei piu' importanti libri sugli obiettivi Leica, con grafici e valutazioni tecniche
su tutte le ottiche Leica, con introduzione molto corposa di ottica fotografica applicata,
pagg 240, in inglese, 2001
di non facile comprensione ma fondamentale


THE LEICA BOOK IN COLOR

Anton Baumann

Editore Knorr&Hirth - Monaco 1938, in lingua inglese

53 pagine di testo e 70 pagg a colori, del fotografo, ormai dimenticato. A. Baumann, uno dei primi fotografi utilizzatori di Leica ad usare Kodachrome e Agfachrome, con immagini anche di un suo viaggio in America. Per recuperare lo stile, le inquadrature, il gusto e i sapori della fotografia a colori prima della IIGM. Adatto a tutti, specie agli appassionati di foto d'epoca. Storicamente importante, in quanto si tratta del primo libro di fotografia a colori realizzato con attrezzatura Leica.

Storico


 
CARTA DI IDENTITA' DELLE LEICA 

Ghester Sartorius,
Edizioni sempre di grande successo dell'indimenticabile esperto napoletano,
progressivamente aggiornate nel tempo, indispensabile storico da collezione
in italiano, pagg 170 ed 1995; pagg 185 ed 2002


CARTA DI IDENTITA' DEGLI OBIETTIVI LEICA

Ghester Sartorius, 
Nuova ed aggiornata edizione del famoso manuale con tutte le ottiche,
varianti comprese, dei sistemi Leica, caratteristiche,osservazioni, schemi ottici,
numeri produttivi seconda edizione, 2006, pagg 230, 
storico da collezione



CARTA D'IDENTITA' DELLE LEICA

Giulio Forti e Pierpaolo Ghisetti, in italiano
Terza edizione completamente rivista ed ampliata dell'altro famoso manuale di Sartorius,
con notevoli aggiunte nella sezione digitale, la storia del 35mm, i falsi e le copie Leica,
le compatte e tutte le versioni speciali spesso illustrate a colori. Molte annotazioni tecniche.
Aggiornato a Marzo 2009 terza edizione, 2009, pagg 245,
storico

CARTA DI IDENTITA' DEGLI OBIETTIVI LEICA
 Ghester Sartorius, seconda edizione, 2006, pagg 230, aggiornamento a cura di Giulio Forti e
Pierpaolo Ghisetti, in italiano. Nuova ed aggiornata edizione del famoso manuale del grande ed
indimenticabile esperto napoletano, con tutte le ottiche, varianti comprese, dei sistemi Leica,
caratteristiche, osservazioni, schemi ottici, numeri produttivi 
storico

 
CONOSCERE LE LEICA

Gino Ferzetti
corposo volume dedicato all'approfondimento tecnico, sia delle ottiche
che delle fotocamere del marchio, con molte osservazioni interessanti
sulla resa e sulla costruzione meccanica, i pregi, le limitazioni. Tre edizioni in tutto.
 pag 315, 1988, in italiano

indispensabile da collezione



 
IL GRANDE LIBRO LEICA

D.Laney
Volume che copre tutta la produzione Leica, compresi alcuni settori
poco conosciuti, pagg 350, in italiano, 1993 (alcuni errori di traduzione). Da leggere e rileggere senza fine.

Per chi conosce la lingua inglese consigliabile la seconda edizione, solo in inglese, moto più completa e curata, del 2004 con 615 pagine.Alcuni settori scientifici e medicali, fondamentali nella storia della Casa, sono trattati esaurientemente, in modo unico e approfondito.
fondamentale


 
TUTTO LEICA 

G.Rogliatti,
Libricino tascabile, ideato per essere compagno in viaggi e mercati,
con illustrata tutta la produzione Leica, sia di macchine che di ottiche
e diversi accessori n italiano, pagg 195, 1984

Storico/ utile.



 
LEICA CINQUANT'ANNI 

G.Rogliatti, in italiano, pagg 185, 1975
Fondamentale libro che per la prima volta ha illustrato compiutamente la
genealogia degli apparecchi Leica, in modo logico e sequenziale, con molte
illustrazioni in b/n, anche di modelli rari. Interessante ed utile la parte finale
dedicata al catalogo alfabetico dei prodotti Leica
Storico/importante


 
LEICA THE FIRST 70 YEARS 

G.Rogliatti, in inglese, pagg 240, 1995
Rifacimento totale del primo e secondo volume dello stesso autore, con molte immagini,
alcune a colori, che copre complessivamente tutta la storia delle fotocamere Leica,
anche le speciali e commemorative, almeno sino alla met a' degli anni Novanta.
Le ottiche occupano solo una piccola sezione, mentre abbastanza vasta e' la parte,
in alcuni capitoli, della storia Leitz. Molto utile l'elenco dei codici Leica nella parte finale.
Importante


 
THE AFFORDABLE COLLECTION 

J.Munro, in inglese, pagg 20, 1993
Pubblicazione della LHSA, ottimamente stampata in b/n e di grande successo, che illustra come
crearsi una collezione Leica in modo poco costoso e progressivo, partendo da una Leica IIIf ed
arricchendola progressivamente di ottiche ed accessori. Ottimo esempio di collezionismo sostenibile.
Molto interessante


  
50 YEARS LEICA M
  G.Osterloh, in lingua tedesca ed inglese, pagg 300, 2004
Volume imponente ricco di foto a colori ed in b/n che copre tutti i possibili aspetti tecnici,
umani ed aziendali della produzione delle Leica M e dei suoi obiettivi. Ricchissimo di immagini
particolari, rare ed originali delle varie aziende Leitz e degli uomini che vi hanno lavorato,
costituisce un contributo dall'interno del variegato mondo Leitz.
Fondamentale


 
LEICA CAMERA REPAIR HANDBOOK 

T,Tomosy, in inglese, pagg 140, 1999
Volume di formato A4 che illustra, con numerose foto in b/n, di buona qualit a', come smontare
e riparare diverse fotocamere Leica, sia a vite, che M e R, Sono poi presi in esame molti obiettivi
e diversi accessori, come Visoflex e Leicameter. Completano il volume una serie di tabelle sugli schemi
elettrici e sulle ottiche, oltre alla consueta serie di consigli sulla metodologia di lavoro, attrezzi speciali,
e sistemi di controllo. Molto specialistico, anche questo volume va letto con estrema prudenza, per non
lasciarsi coinvolgere in affrettati smontaggi che potrebbero rivelarsi piu' distruttivi che riparatori.
Molto tecnico

 
LEICA M
ALTA SCUOLA DI FOTOGRAFIA 

G.Osterloh, in italiano, pagg 260, 1991
Questo volume, riccamente illustrato e stampato su carta lucida, possiede un'impostazione
essenzialmente pratica, prendendo in considerazione tutto il mondo della Leica M, dalla
cronologia dei modelli, ai vari aspetti tecnici, per passare poi agli obiettivi, esaminandoli
dettagliatamente. La seconda parte e' un manuale di fotografia, con tecniche esplicate
sull'esposizione, i filtri, gli accessori, per finire poi ai proiettori e agli ingranditori. In chiusura
una ventina di pagine sono dedicate alla storia Leica.
pratico


 
LEICA R TECNICA LEICA APPLICATA 

G.Osterloh, in italiano, pagg 370, 1992
Volume di identica impostazione del precedente, riccamente illustrato, anche a colori, dedicato
al sistema reflex. L'impostazione e' quella di un pratico volume di aiuto al fotografo. Possiede
piu' pagine per il maggior numero degli obiettivi R, la sezione macro, la fotografia all'infrarosso,
e alcune situazioni particolari, come la fotografia subacquea.
pratico

 
NON LEITZ LEICA THREAD MOUNT LENSES

Di M.J.Small. in inglese, pagg 145, 1997
Volume di formato ridotto, molto ben stampato con numerose immagini in b/n, che illustra
13.44 15/02/2010 l'enorme varieta' di ottiche con passo a vite Leica 39x1 fabbricate da altri costruttori non Leica.
Fonte di ricerche, sorprese e di nuovi interessi, risulta estremamente interessante sia per il
collezionista generico che per l'appassionato Leica, anche se indirettamente.
molto interessante


 
LEICA COPIES

 HPR
Volume dedicato a tutte le fotocamere derivate dalla Leica,  ed anche all'elenco delle ottiche, diviso per marchi, talvolta molto rari.
Molto ben stampato è un volume abbastanza raro
pagg 350, in inglese, 1990
Estremamente interessante



 
75 YEARS OF LEICA PHOTOGRAPHY

B.E.Frey
Libro interamente illustrato, dedicato esclusivamente alle immagini scattate
con fotocamere Leica, lingua inglese/francese/tedesco, 1990

interessante


THE LEICA STORY

Emil G.Keller
Libro del 1989 sulla storia della Leica, con interessanti foto in b/n,
con diverse annotazioni su macchine e progettisti, in lingua inglese
Interessante

LEICA, TESTIMONE DI UN SECOLO

A.PASI
Racconto integrato tra l'evoluzione delle Leica, la storia e il costume, ricchissimo di immagini
e con un'impaginazione notevole, in italiano, pgg 160, 2003. Alcuni errori di stampa e, purtroppo, anche tecnici. Leggibile anche da un non esperto, rappresenta un'ottimo regalo.

interessante

 
30 JAHRE LEICA HISTORICA-

screwmount cameras with military engraving
G.Cane
Certosina catalogazione di tutte le Leica Militari, importante base contro i falsi,
con alcune foto a colori, pochissimo testo inglese/tedesco, 2005. Fondamentale per i cultori delle Leica militari.
particolare

 
LEICA IN COLOUR
P.H.Van Hasbroeck
Libro per collezionisti, con impeccabili foto a colori sia per il sistema a vite che a baionetta M,
ottiche comprese, in inglese, pagg 160, 1991. Utilissimo per comprendere le differenze tra i vari modelli di macchine e ottiche.
molto interessante


E.LEITZ, INC. NEW YORK

Emil J.Keller
Storia della importante sezione americana Leitz INC. NEW YORK,
fabbricante anche di svariati ed interessanti accessori, pagg 80, in inglese, 1996
interessante

LEICA COLLECTION
S.Nakamura
pagg 200, 1991, in lingua inglese e giapponese
Bellissimo libro illustrato con impeccabili immagini a colori, realizzate con un apparecchio di grande formato,
su modelli rari ed inusuali, una stupenda galleria di modelli resi vivi da una stampa superlativa. Una gioia per gli occhi di ogni appassionato.
imperdibile

 
Die Geschichte der Leitz und Leica Diaprojektoren
A.J.SCHNELLE
Fondamentale catalogo di tutti i proiettori Leica, dai primissimi modelli agli ultimi, con ottiche ed accessori,
in lingua tedesca, 2008.  Settoriale. ma importante per apprezzare lo sforzo dell'Azienda in questo settore-
Molto interessante

 
THE COLLECTOR’S CHECKLIST OF LEICA CAMERAS, LENSES AND ACCESSORIES

Di N.Wright and C.Glanfeld, pagg 185 , in inglese, 1974, 1986
Libro storico, risalente agli albori del collezionismo, e di grande successo all’epoca, che in una veste editoriale povera e senza immagini,
cerca di illustrare tutto il sistema Leica, fotocamere, ottiche e accessori, con relative varianti. L’ultima edizione del 1986
risulta abbastanza completa ed interessante, anche se ormai superata da volumi ampiamente illustrati sull’argomento.
Interessante/storico

 
LEICA IN DER WERBUNG – LEICA ADVERSITING
Di F.Ruttinger, in tedesco/inglese, solo la prefazione, per il resto senza testo, pagg 160, 1986
Delizioso libretto che illustra, cronologicamente nel tempo, dal 1925 al 1982, decine di pubblicità varie di Leica, esclusivamente in b/n,
mostrando non solo l’evoluzione tecnica ma anche di gusto e di costume. Interessanti le pubblicità del tempo di guerra.
imperdibile


GUIDA PRATICA ALLA LEICA M6
  M.Capobussi, in italiano, pagg 120, 1990
Libricino tascabile che illustra passo passo, con abbondanza di fotografie, tutti gli aspetti operativi della allora ‘nuova’ M6,
dalla filosofia della macchina a telemetro alle varie caratteristiche innovative . La seconda parte è dedicata alla disamina di 13
obiettivi Leitz, in pratica il corredo M, con osservazioni pratiche sulla resa e l’illustrazione dei test MTF editi dalla rivista Tutti Fotografi.
utile

 
DIE LEITZ-WERKE IN WETZLAR
 R.Beck., in lingua tedesca, pagg 130, 1999
Volume fotografico che ripercorre per immagini, la storia e la vita sociale della comunità Leitz a Wetzlar, illustrando con
innumerevoli fotografie in b/n, tutti gli aspetti umani della fabbrica, dai momenti di lavoro, con immagini sui vari settori operativi,
a quelli ricreativi, mostrando i vari personaggi, importanti e meno importanti, della fabbrica. Una fonte inesauribile di informazioni sul
dietro le quinte della fabbrica Leitz.
particolare

 
IL LIBRO DELLA LEICA
  T.Kisselbach, in italiano, pagg 345, 1964
Volume che accompagna, passo dopo passo, l’utilizzatore della Leica alla scoperta dei segreti del piccolo formato,
in modo facile e completo, con moltissime illustrazioni, anche a colori.
storico

 
IL LIBRO DELLA LEICAFLEX
  T.Kisselbach, in italiano, pagg 220, 1969
Anche questo libro, come il precedente tradotto dal tedesco, per iniziativa della I.Cattaneo, allora importatore del marchio,
accompagna l’utilizzatore del nuovo apparecchio, in special modo la SL e i suoi obiettivi, con molti consigli pratici su come sfruttare
la macchina e gli accessori. Moltissime foto, anche a colori.
Storico

 
KLEINES LEICA BUCH
  T.Kisselbach, in lingua tedesca, pagg 180, 1952
Libricino tascabile, come da titolo, che illustra l’uso della fotocamera Leica, nella fattispecie la IIIf, nelle varie situazioni fotografiche,
dalle riprese di bambini alla proiezione, dall’uso della cassetta reflex alla fotografia ravvicinata, in un mini formato pratico
che vorrebbe accompagnare sempre il fotografo.
Storico

MY LIFE WITH THE LEICA
  W.Benser, in inglese, pagg 230, 1990
Biografia del famoso, specie in Germania e in USA, fotografo tedesco, che ha legato il proprio nome all’utilizzo dell’attrezzatura Leica,
specie nelle proiezioni su grande schermo, con lunghe turnee dimostrative nel dopoguerra. Molte foto documentaristiche in b/n e
molte foto a colori tratte dalle sue proiezioni.
interessante


300 LEICA COPIES
PONT/PRINCELLE
Volume dedicato a tutte le fotocamere derivate dalla Leica, diviso per nazioni,il libro che ha fatto nascere e prosperare un
nuovo settore del collezionismo, pagg 350, in inglese, 1990. Fondamentale per comprendere l'influenza di Leica nel mondo della fotografia, e le tante ramificazioni storico-tecniche da essa derivate.
 Estremamente interessante

 
LEICA THE PROGRAM
  Leica, in inglese, pagg 130, 1999
Bellissimo volume, interamente stampato a colori in formato A4, che illustra tutta la produzione Leica del 1999, con dovizia di immagini e
particolari, accompagnando il tutto con magnifiche fotografie scattate con attrezzatura Leica. Nelle pagine finali sono presenti i
dati tecnici completi per tutti i prodotti, fotocamere, obiettivi, accessori, proiettori, binocoli.
Molto interessante

 
THE LEICA AND THE LEICAFLEX
 T.Scheerer, in inglese, pagg210. 1970
Bel volume composto da 140 immagini in b/n e dieci a colori, che illustra in modo sia tecnico che pratico l’uso degli apparecchi
Leicaflex, la M4, i filtri, la macro, camera oscura e le varie occasioni fotografiche. Scritto in modo piacevole.
Interessante

 
LEICA.SCREW MOUNT CAMERAS
 F.Giunta, in lingua inglese, pagg 400, 1995

Catalogazione delle macchine con innesto a vite, attraverso i numeri di matricola, per scoprire ed evidenziare differenze ed evoluzioni.
Composto da immagini in b/n, di qualità sufficiente, un interessante glossario iniziale in sei lingue, e una serie di tabelle che riportano
macchine conosciute direttamente o indirettamente dall’autore. In chiusura sono riportate le tabelle dei numeri di serie per i vari modelli.

interessante

 Leica M mount cameras- a systematic approach,
 Filippo Giunta, Giunta Libri 1996 - 484 pagine, quadrilingue, più italiano

 
LEICA Rare and Unusual M cameras and accessories

  P.H.Van Hasbroeck, in lingua inglese, pagg 60, 1978
Volumetto complementare del libro principale di Van Hasbroeck, con alcune macchine ed accessori, che non
avevano trovato spazio nell’edizione maggiore, rare e inusuali, come appunto suggerisce il titolo.
Interessante

 

 
M3
 Nakayama, in lingua giapponese, pagg 142,
Bellissimo volumetto con decine di foto di qualità, interamente a colori, che prende in considerazione solo la Leica M3,
vivisezionandola in ogni particolare, dal telemetro alle singole viti. IL testo in giapponese per fortuna è minoritario rispetto alle immagini.
La seconda parte del libro è dedicata allo smontaggio, passo dopo passo, della macchina e della descrizione fotografica
di tutti i suoi componenti,anche i più minuti. Un libro di un super appassionato per appassionati.
imperdibile


 

GUIDA AGLI ACCESSORI

 D. Laney, in italiano, pagg 125, 1985
Dello stesso formato tascabile del Pocket Book, ne rappresenta il complemento ideale per una delle più affascinanti sezioni del
mondo Leica, ricchissima di ingegnosità ed inventiva. I pezzi sono illustrati da disegni molto precisi, tuttavia mancano diverse varianti
che spesso sono il sale collezionistico della ricerca. Molto utile alle fiere grazie all’indice dei codici specifici.
Utile e pratico

            
LEICA LITERATURE
 J.Lager, in inglese pagg 510, 1960
Imponente raccolta di depliants, pubblicità e libretti di istruzioni, pubblicati tra il 1930 e il 1960 dalla Leitz, tutti illustrati in b/n,
sull’infinita serie di prodotti Leica. Una delle più preziose basi della conoscenza del mondo Leica, purtroppo abbastanza raro.
Imperdibile

Leica illustrated Guide I
  J.Lager, in inglese, pagg 65, 1975
Primo e raro volume della ricerca di Lager dedicato alle fotocamere con innesto a vite e alla prima produzione M:
ottimamente stampato è ormai nettamente superato dal primo volume di History dello stesso Autore, contenente molte
più varianti e particolarità. E un’enorme quantità di immagini,
storico        
LEICA ILLUSTRATED GUIDE II
 J.LAGER, in inglese, pagg 260, 1978
Rara edizione del secondo volume dedicato alle ottiche, accessori e modelli speciali, della prima sistematica ricerca dell’Autore,
che porterà poi alla attuale, e più razionale, edizione denominata History. Ottimamente stampato con impeccabili immagini in b/n
dimostra quanto raffinata, profonda ed esaustiva sia la ricerca di Lager nel mondo Leica.
 Storico/importante

 
Leica M6/M6TTL
 R.Hunecke, in tedesco, pagg 175, 1999
Manuale estremamente dettagliato su una delle fotocamere Leica più importanti della storia del Marchio: numerosissime immagini in b/n e
a colori, ottimamente stampate, fanno da supporto ai vari capitoli, mentre non manca la sezione dedicata alle ottiche.
Interessante

Leica M6 to M1

Matheson - Laney

in inglese pagg160 - prima edizione 1986 - terza edizione 2000

Un altro classico manuale della Hove, ottimamente stampato, scritto da due specialisti del marchio, che prende in considerazione non solo la M6, ma l'uso pratico della Leica a telemetro, come maneggiarla, come inserire il film, la tecnica generale dell'apparecchio a telemetro, l'esposizione, le ottiche, l'ampliamento del corredo, le borse. il flash  e alcuni aspetti storici, Molte immagini sia a colori che in b/n, sia tecniche che esplicative del testo.Quasi indispensabile per i neofiti del telemetro, non a caso arrivato alla terza edizione.

Molto utile

LEICA R6
 F.Meisnitzer, in inglese, pagg 180, 1989
Classico manuale della Hove, molto ben stampato ed illustrato, che segue passo passo tutti i dettagli e l’uso della macchina meccanica Leitz.
Pratico

IL LIBRO DELLA LEICA
  A. Ornano, in italiano, pagg 280, 1955
Manuale che illustra il procedimento Leica: ottiche, filtri, pellicole e stampa. Inoltre vengono esaminate le varie
forme d’uso della (allora) rivoluzionaria macchina nei diversi campi di applicazione. Numerose foto in b/n di gusto anni
Cinquanta completano ed integrano la trattazione.
Storico

 
THE LEICA AND LEICAFLEX WAY
 A.Matheson , 1966, pagg 480 in inglese
Pratico ed esaustivo manuale della Focal Press, pieno di disegni e fotografie in b/n, molto belle e affascinanti, che illustrano le
macchine e gli accessori per Leica a telemetro e il primo modello di Leicaflex, con dovizie di particolari sugli accessori e sulle ottiche.
Pratico/storico

 

COME SI LAVORA CON LA LEICA
  E.Ruedi, in italiano, pagg 245, 1934
Storico libro, in formato tascabile, nel quale, per la prima volta in Italia, viene presentato il sistema Leica, nella sua completezza. Dalle macchine,
allora in tre modelli, alle ottiche, agli accessori, la stampa, la duplicazione e perfino la proiezione.
Molte foto in b/n, con dettagliati parametri tecnici, come si usava all’epoca, riportano il lettore ai quei tempi pionieristici ma
così moderni, almeno per i felici possessori del piccolo apparecchio.
Storico

 
OSKAR BARNACK- VON DER IDEE ZUR LEICA
  Ulf Richter, in Tedesco, pagg 206, 2009

Magnifico volume, splendidamente illustrato, sull’inventore della Leica, la sua storia, lo sviluppo della fotocamera e dei primi accessori.
Con diversi disegni tecnici e illustrazioni d’epoca ricostruisce dettagliatamente la figura di Barnack e i suoi meriti storici.
Anche se per una piena comprensione del testo occorre una più che buona conoscenza della lingua tedesca, la grande quantità di immagini lo
rende fruibile ad un pubblico più vasto.
Estremamente interessante


 

 LE 10 VARIANTI DELLA CLASSICA  LEICA 1-A con Elmar 1:3,5 F=50mm

Traduzione di Lonardi e Melchiorri dall'originale di Henning
in italiano, pagg 95, 2010

Volume formato A4 molto specialistico che prende in considerazione, in modo estremamente dettagliato, le versioni della Leica I ma solo quelle dotate del classico Elmar. Interamente illustrato a colori, con immagini di buona qualità (si notano immagini digitali del primo periodo, con frange di colore), presenta anche un interessante testo, ove viene anche spiegata la derivazione del nome Elmax, e una parte finale dedicata agli accessori del primissimo periodo costruttivo. Interessanti anche le pubblicità dell'epoca.
Dedicato a collezionisti e ricercatori, si spinge in analisi forse mai toccate precedentemente, di tutte le parti che compongono una Leica I.
Molto specialistico


PROTOTYPE LEICA

Lars Netopil
volume di grande formato, interamente a colori di 490 pagine, interamente dedicato ai prototipi del Museo Leica. Stampa eccezionale con testi in inglese e tedesco. tiratura in sole mille copie.
 Dedicato  all'appassionato Leica più curioso, ma di non facile reperibilità, prezzo adeguato.
Germania 21010. Estremamente interessante.
 Molto specialistico


                         Tre Amici
                         conversano sugli obiettivi intercambiabili Leica
                         Leitz Wetzlar, 33 pagg, 1936, in lingua italiana

Delizioso libretto, che, in lingua italiana talvolta desueta, illustra, in una forma di dialogo tra tre amici appassionati a diversi livelli, di fotografia, tutti i vantaggi dell'allora nuovo sistema Leica, rispetto agli apparecchi di medio-grande formato, con dovizia di particolari sulle caratteristiche dei dodici obiettivi al tempo disponibili. I tre amici: il dilettante, il principiante e il leichista danno vita ad una delle più originali pubblicazioni su Leica. Numerose foto in b/n di gusto retrò.
Abbastanza raro ma imperdibile.

Leica   ADS

Comon e Evans
160pagg  1991  in lingua inglese
Libro in formato A4 che raccoglie varie pubblicità Leica nel corso degli anni, dagli inizi al 1991. In fondo ad ogni pagina pubblicitaria, disposte cronologicamente e prevalentemente apparse negli USA, si trovano 3/4 righe che contestualizzano l'anno di riferimento, con alcuni fatti storici, più o meno importanti, quasi sempre riferiti alla società americana. Proprio per questo appaiono interesanti alcune pubblicità titpicamente americane in cui si fa riferimento a Leica come bene d'investimento e anti inflazione.
Il titolo è l'abbreviazione di AdVertisements, ovvero pubblicità. Abbastanza raro da reperire in Europa.
Interessante


MY LEICA AND I
Photokino Verlag 1937 - 150ppgg   - in inglese
Classico libro fotografico anteguerra che vuole mostrare, attraverso una grande varietà di immagini in b/n di autori diversi, anche italiani, ma tutti dilettanti, le molteplici possibilità del sistema Leica. Vengono presi in considerazione pertanto vari generi fotografici: fotografia creativa, di notte, a teatro e al circo, i paesaggi, le corse automobilistiche e le situazioni famliari. Di ogni immagine vengono forniti i dati tecnici, i nomi dei vari autori, titolo, obiettivo utilizzato (dall'Elmar 3,5 sino all'Hektor 13,5cm, con molti Summar anche) e dati tecnici, oltre alla pellicola, quasi sempre Agfa, Perutz e poche volte Kodak.
Interessanti per farsi un'idea della rivoluzione Leica nella foto di tutti i giorni e per il gusto estetico dell'epoca

                            storico- fotografico

 
THE LEICA LENS BOOK

 Brian Bower
in inglese, 160ppgg, 1998
Volume di grande formato, 22x30cm,ottimamente stampato in carta patinata,  che propone la formula della rassegna degli obiettivi Leica, nei vari innesti, accompagnate da impeccabili immagini esplicative, fatte in tutto il mondo. Nella parte finale sono presi in considerazione alcuni capitoli di carattere generale, su come ottenere il meglio dalle ottiche Leica, pulizia e manutenzione, scelta del corredo. Numerose tabelle sulle caratteristiche dei vari obiettivi. Può essere letto sia dal punto di vista tecnico che come libro illustrato in sè.
           interessante e piacevole

 
LEICA - FOTOGRAFIA REFLEX

  Brian Bower
in italiano, 152ppgg, 1992
Gemello del precedente, ne ripropone la formula tecnica ed illustrativa, focalizzandosi esclusivamente sul sistema Leica Reflex, senza tecnicismi esasperati. Le immagini, spesso spettacolari, spaziano in tutti i generi fotografici, in base alle varie focali, mentre all'inizio vengono prese in esame i vari modelli reflex, sino alla R-E. Chiudono il libro alcuni capitoli tecnici su pellicola e uso del flash, oltre ai capitoli sul collezionismo e gli acquisti di seconda mano. Molto adatto per un regalo.
  di facile lettura

 
LEICA M PHOTOGRAPHY

 Brian Bower
in inglese, 152 ppgg, 1995  
Identico ai due prededentemente descritti, ecco il libro dedicato al sistema Leica M, in realtà comprendente anche una sezione dedicata al sistema con innesto a vite 39x1 e Visoflex. In questo volume sono più numerose le immagini tecniche, macchine ed obiettivi, di quelle illustrative, di cui 85 a colori, sempre impeccabili e di grande effetto scenico, alcune delle quali scattate nelle Dolomiti italiane. Non mancano, oltre a tabelle e schemi ottici, anche i capitoli dedicati all'inizio della avventura Leica e al mercato dell'usato. Sorprende che questo libro non sia stato tradotto in italiano, essendo il sistema M più popolare del sistema reflex, almeno negli ultimi anni.                    

gradevole e ben illustrato

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dr Paul Wolff


 
Paul Wolff, nato a Mulhausen, nell'Alsazia allora tedesca nel 1887, è stato un fotografo importantissimo nella storia Leica, in quanto è stato il primo vero testimonial della nuova fotocamera e del suo sistema, attraverso un'intensa attività pubblicista. Divenuto Dottore, intraprese dopo la Ia guerra mondiale l'attività fotografica a Francoforte, allora (come oggi) uno dei centri motori della Germania, grazie alla Borsa, l'Università, e una quantità di industrie manifatturiere e chimiche. Si fece in breve conoscere per una moltitudine di lavori commerciali, eseguiti principalmente con una ICA Juwel o con una Goerz, di formato 9x12 e 13x18cm, ma è sopratutto con la Leica, il suo uso e la pubblicità, diretta (nelle sue pubblicazioni la parola Leica appare in copertina) e indiretta. che fece al nuovo sistema, sin dal 1925, che raggiunse rapidamente la notorietà in tutto il paese, tanto da meritare in regalo dalla Leitz una Leica IIIa, nr 200.000, primo fotografo in assoluto a riceve questo omaggio dalla Casa di Wetzlar. Wolff è stato cordiale amico di Barnack e molto vicino, probabilmente come consulente, anche a Ernst Leitz. Nei suoi libri, Wolff non solo mostra le immagini scattate con Leica e i suoi obiettivi, ma spiega dettagliatamente il processo di sviluppo e di stampa, con tutti gli accessori che la Leitz metteva allora a disposizione, rendendo quindi il libro fotografico un vero e proprio manuale della tecnica del piccolo formato. Le ottiche più usate da Wolff sono state gli Elmar 3,5 - 5 - 9 - 10.5cm, completate dal paraluce variabile FIKUS e mirino VIDOM,  talvolta anche il Summar 5/2; raramente anche lo Hektor 5/2,5cm, per le foto ai Giochi Olimpici anche un Telyt 200/4,5 su cassetta Ploot. Spesso utilizzava i filtri gialli di diversa gradazione. Il diaframma più utilizzato solitamente è f/6,3, raramente Wolff si spinge a f/8 e f/9, mai oltre, mentre quando è possibile si mantiene sul tempo di scatto di 1/100 sec, fino a spingersi in talune situazioni verso il 1/30 di sec. E' stato uno dei primi fotografi ad utilizzare più di un apparecchio contemporaneamente, alle Olimpiadi sino a tre Leica con ottiche diverse, causando sensazione e invidia. E' morto nell'aprile del 1951, dopo aver fotografato la terribile realtà della Germania del dopoguerra. Wolff, anche se probabilmente non tanto famoso in Italia, come altri suoi fotografi contemporanei, è invece molto conosciuto in Germania e in USA, grazie ad una mostra itinerante, intitolata The Camera, che nel 1935 ha girato le principali città americane, producendo un'incredibile pubblicità alla Leica. Ha compiuto diversi viaggi in Italia (Roma, Napoli, Venezia, Dolomiti), in Medio Oriente (Egitto, Gerusalemme), in USA a New York e nel Nord Europa (Lofoten e Spitbergen). Molte foto di montagna sono fatte nelle Alpi austriache e in Svizzera.

Wolff rappresenta uno dei fotografi fondamentali della storia Leica: infatti a lui si devono gli stilemi visivi caratteristici della foto in piccolo formato, nei paesaggi, nei ritratti e anche nello sport. Ha creato uno stile nei vari settori della fotografia, mai urlato, in apparenza semplice e naturale, ma che richiedeva un'attento uso della fotocamera e della pellicola, sempre di bassa sensibilità, sino a 10 ISO., sviluppata in proprio con estrema accuratezza. Inoltre con i suoi lavori ha definitivamente affermato il programma Leica: ovvero un dinamismo visivo in tutti i generi dal quale si potevano ottenere grandi foto da piccoli negativi (cosa all'epoca ritenuta impossibile), grazie ad una serie di pubblicità stampate in grande formato (anche oltre 1x1m), che campeggiavano in tutta la Germania. Purtroppo nel 1944, causa un bombardamento aereo, la sua casa e il suo studio a Francoforte subirono seri danni, provocando la perdita di buona parte del suo archivio.
Della sua grande attività di pubblicista abbiamo raccolto diversi volumi, oggi molto rari e abbastanza costosi. che mostrano non solo la sua abilità di fotografo, e la sua versatilità in tutti i generi,  ma anche di come fosse la Germania e l'Europa negli anni trenta, costituendo pertanto una testimonianza storica, sociale e infine tecnica, irripetibile.

Qui una Bibliografia scelta, tra le sue moltissime pubblicazioni.

Nota: alcuni titoli sono stati ristampati anno dopo anno, anche nel dopoguerra, nel testo viene indicato l'anno della prima edizione, quando possibile.

------
una lettera autografa di Paul Wolff: notare l'indirizzo, simbolo di un'epoca

 -------------------------


Aus Zoologischen Garten
Allo Zoo
formato 19x26, 126pagg
1929, Langewiesche, Konigstein
Con120 immagini scattate allo Zoo di Francoforte
Formen des Lebens
Forme di vita
KRL Verlag Konigstein
formato 19x26cm, Prima edizione 1931- 127pagg, riedizione 1957 96pagg
Ambedue i volumi della serie Blu,oggi abbastanza rari. Il primo è abbastanza datato e rappresenta comunque una straordinaria galleria di animali di tutti i continenti dello Zoo, con inquadrature molto ravvicinate e selettive, dei veri primi piani abbastanza innovativi per l'epoca,  il secondo del 1931, e ripubblicato diverse volte, mostra divesi particolari di fiori e piante, iniziando in pratica l'avventura della fotografia ravvicinata. Una ricerca formale sulla vita vegetale che anticipa il gruppo 64, o forse, visto la contemporaneità, lo influenza e ne è influenzato.Realizzati con macchine di medio formato.
Due libri interessanti, per l'epoca, ma ancora molto formali,  non presentando la dirompente novità delle future pubblicazioni realizzate con Leica.



 
Meine Erfahrungen mit der Leica
Le mie esperienze con Leica
1935, Breidenstein Verlag Frankfurt, formato 28x24cm.
Un libro imprescindibile nella storia Leica e in quella personale di Wolff: 245pagg, con immagini che svariano dal paesaggio, urbano e di campagna, ai ritratti, anche in studio, dalla foto di montagna e di sci, ai luoghi esotici, ai primi tentativi di foto a colori. La copertina, con Wolff e la Leica accessoriata, sono diventate negli annni Trenta il simbolo della Leica stessa. In un'altra edizione in copertina Wollf appare con la lente d'ingrandimento mentre studia i negativi, con un occhio ingrandito dalla lente stessa: un'immagine che, specie negli USA è divenuta la metafora della Leica e dei suoi piccoli negativi. Un' intuizione visiva, degna di un grande fotografo pubblicitario!
Una lunga introduzione dibatte se il piccolo formato debba considerarsi un formato professionale o meno, poi la storia e lo sviluppo del 35mm e dei suoi accessori, la cura e l'organizzazione dell'archivio dei negativi, ed infine l'elogio del 5cm.Tutte le immagini, alcune vere e proprie pubblicità dal gusto impeccabile, sono accompagnate da note tecniche
Imperdibile e fondamentale per comprendere come da questo volume siano nati tutti gli stilemi delle immagini  in piccolo formato sino a oggi. All'epoca un grande successo, con almeno 50.000 copie. vendute. Dal libro è stata tratta una mostra itinerante nella Germania con 200 immagini in b/n.
Nella pubblicità dell'epoca viene definito L'opera base della fotografia in piccolo formato.
Non difficile da reperire, molto consigliato.




Meine Erfharungen  Farbig
Le mie esperienze a colori
1940, 1943, Breidenstein Verlag Frankfurt
ristampato anche nel 1948/49
55pagg, formato 28x24cm
Ideale continuazione del precedente, introduce l'uso innovativo della pellicola a colori Agfachrome: i capitoli iniziali sono dedicati al passaggio epocale dalla fotografia in b/n a quella a colori e dal procedimento di sviluppo e stampa. Inoltre sono prese in considerazioni le varie tipologie di ripresa nella foto a colori, nel paesaggio, nel glamour, nelle immagini industriali e di still-life e in architettura. Diverse riprese sono state eseguite durante un viaggio nelle Dolomiti italiane e nel nord Italia, definito da Wolff il paese ideale per la foto a colori. Esiste anche la versione in inglese del 1951.
In copertina appare Wolff, con papillon e pipa, che studia una diapositiva, col suo inseparabile assistente Tritschler, ambedue in camice da lavoro.
Le immagini, specie quelle di glamour, grazie anche a una notevole modella, sono innovative e creatrice di uno stile che farà epoca.
Estremamente consigliabile.




Gross oder Klein Bild?
Grande o piccolo formato?
 
Bechhold Verlag - Frankfurt 1938
70pagg - formato 24x27cm
Un resoconto per immagini di un viaggio estivo in Franconia e nella Romantische Strasse: Rothenburg, Wurzburg, Bamberg, Regensburg, le città, i monumenti, la gente, i costumi, il paesaggio. Un viaggio nel tempo in una Germania ideale, romantica e con immagini, talvolta fiabesche, che sfiorano la perfezione visiva. Sono state utilizzate fotocamere 9x12cm e Leica IIIa, questa volta, oltre alla solita attrezzatura, integrata con i due Hektor 2,8 e 13,5cm. La domanda iniziale se sia meglio il grande o il piccolo formato trova risposta, per Wolff, nel fatto che le stampe eseguite con Leica e i suoi obiettivi, sono praticamente indistinguibili da quelle fatte con apparecchio 9x12cm con Angulon 12cm. Ormai Leica e le sue ottiche, per la loro leggerezza, comodità, possibilità di foto dinamiche e riserva di pellicola. trovano un autorevole posto nella borsa del fotografo, dilettante o professionista che sia. Ogni foto è commentata tecnicamente, così da condure il lettore attraverso un viaggio virtuale  e tecnico. Alcuni scorci delle città tedesche, e anche le ambientazioni delle automobili d'epoca (passione di Wolff) sono semplicemente incantevoli. Certo Wolff non avrebbe mai immaginato che questo viaggio non sarebbe rimasto tale solo nello spazio ma anche nel tempo, visto che quello che si vede nelle sue fotografie è scomparso quasi definitivamente. Si è salvata solo Rothenburg. Un documento storico eccezionale.
Raro e molto consigliabile.



Ski Camerad Toni
Il compagno di sci Toni
Bechhold Verlag - Frankfurt 1936 95pagg, formato 24x28cm
Un inverno a Garmisch-Partenkirchen è l'occasione per una parata di tutti gli stilemi, presenti e futuri, della fotografia in montagna invernale: l'incanto della neve, lo sci e le sue evoluzioni, i compagni, l'eleganza, la tecnologia dei treni a cremagliera e della funivia, i paesaggi e le baite innevate. Infine alcune immagini delle olimpiadi invernali. In questa occasione le ottiche più utilizzate sono i due Elmar 3,5 e 5cm con solo qualche sporadica presenza del Summar 5/2. Le immagini sugli sci e quelle delle olimpiadi raggiungono livelli virtuosistici per l'epoca inarricabili se non da Kruckenhauser, tanto che un'immagine di Wolff, invertita, fu utilizzata anche come copertina dalla rivista americana Life. Molte immagini sono al limite del tecnologicamente possibile per l'epoca, sia per i soggetti colti in movimento che per i controluce.
La versione inglese s'intitola Ski and Camera, eliminando il vocabolo Kamerad, all'epoca abbastanza compromettente.
Non raro e altamente consigliato.







Arbeit!

Lavoro!

Umschau Verlag - Frankfurt 1937

Uno dei capolavori assoluti di Wolff; la testimonianza visiva della rinascita e dello sviluppo dell'industria tedesca, chimica, meccanica, automobilistica, nell'acciaio, manifatturiera, divenuta essa stessa motivo di immagini e di continue sorprese visive. Assolutamente innovativo nei punti di ripresa, nei particolari e nei giochi di luce, che danno un'immagine magica delle dure condizioni industriali. Magnifico l'uso della profondità di campo e l'inserimento dell'uomo tra le macchine. In questo libro sono stati usati sia un apparecchio 9x12 che la Leica. La base di tutta la successiva fotografia industriale, con una ricerca esasperata di punti innovativi, dei particolari tecnici ravvicinati e della luce ad effetto. Alcune foto sono state acquistate dal Museum of Modern Art di NY, proprio per la loro carica innovativa. Purtroppo molto difficile da trovare in buone condizioni, specie nella bellissima sovracopertina.

Raro e caro, con prezzi che variano dai 300 sino ai 600 euro.


 Was ich bei den Olympischen Spielen 1936 sah

Cosa ho visto alle Olimpiadi del 1936

Olimpiadi 1936 - ed italiana  Bompiani 1936

Les Jeux Olimpiques Berlin 1936, ed francese Hirle, Strasbourg 1999

22x27cm 120pagg


Solitamente le Olinpiadi di Berlino del 1936 sono associate, dal punto di vista visivo, alla regista e fotografa Leni Riefestahl e al suo celebrato documentario Olympia. Tuttavia è stato il libro di Wollff a diffondere le immagini dell'avvenimento, la folla, i ritratti di spettatori e atleti, i momenti topici e culminanti della manifestazione. Equipaggiato con ben tre Leica e anche da un Telyt 20/4,5 cm montato su cassetta reflex Ploot, allora quasi una novità, e di cui Wolff si lamenta come insufficiente nella lunghezza focale. Wolff si è sbizzarrito in una sequenza incredibile di scatti, per varietà e qualità, proponendo immagini sportive al limite del possibile. Una lezione tecnico.artistica valida ancora oggi per tutti coloro che si lamentano della propria insufficiente attrezzatura. In alcuni ritratti appare il leggendario Jesse Owens e anche Leni Riefenstahl. Purtroppo l'edizione originale è quasi introvabile, più facile reperire la recente riedizione in francese o quella in italiano.

Imperdibile per capire e apprezzare i limiti tecnici della fotografia degli anni Trenta e come i fotografi di allora riuscissero a superarli.

qui sopra Wolff all'opera con Leica, Ploot e flessibile, Tely20cm: da ricordare che l'immagine nella cassetta reflex Ploot appariva invertita.

La leggendaria e iconica immagine di Leni Riefenstahl e il suo operatore ripresa da Wolff alle Olimpiadi

Sonne uber See und Strand

Sole su mare e spiaggia

formato 24x27, 43pag, Bechhold Verlag 1936

sottotitolo: viaggi con la Leica del Dr Paul Wolff

Un viaggio alle isole Frisone nel nord della Germania è lo spunto per esaurire tutto il possibile catalogo di immagini al mare: da quelle di carattere locale, a quelle posate, dove si mette in evidenza l'eleganza femminile della metà degli anni Trenta, i controluce, i giochi dell'acqua e della schiuma, i momenti romantici, gli sport acquatici. il nuoto, la vela, la canoa. Le ottiche più utilizzate sono i soliti Elmar 3,5 e 5cm, saltuariamente con l'Elmar 9cm e l'Hektor 13,5cm. Molto raramente le ottiche sono utilizzate a TA, ma quasi costantemente ai diaframmi centrali. Un libro che sembra quasi un catalogo di moda femminile, incredibilmente attuale in molto particolari dell'abbigliamento.
Meno innovativo dei precedenti, mostra tuttavia una creatività sistematica, esplorando tutte le possibilità fotografiche di queste isole di sola sabbia, senza paesaggi particolarmente significativi, anzi proponendo la vacanza al mare come punto di partenza per altri generi fotografici. Sotto questo profilo si tratta di una raccolta d'immagini che ancora oggi potrebbero rappresentare una vera lezione fotografica. Un capitolo è dedicato al ricordo di Oskar Barnack, deceduto proprio nel 1936, e un secondo alle problematiche legate all'uso della Leica con sabbia e salsedine. Ne esiste anche la versione in lingua inglese, intitolata Sun, Sea, Shore (Sole, mare, spiaggia)
Interessante e apparentemente più normale dei precedenti.




My first Ten Years with the Leica

formato 24x28, 200pagg, Bechhold Frankfurt

diverse edizioni, in tedesco, francese e stampato anche in USA

Dedicato a Oskar Barnack, inventore della Leica

Una raccolta per temi, dal 1925 al 1934, tratta dalla sua famosa mostra in USA intitolata The Camera, delle varie esperienze fotografiche di Wolff: i paesaggi, i ritratti, i viaggi, l'alta montagna, il mondo del lavoro, lo sport, ed infine le istantanee.
Si ritrovano alcune delle sue più celebri fotografie, non tutte in verità, e specialmente quelle dedicate al mondo del lavoro sono magistrali, per inventiva dei punti di ripresa e stilizzazione. Un corposo testo riassume la sua filosofia del piccolo formato Leica, accompagnato, come al solito, da una corposa documentazione tecnica su ciascuna immagine. Il punto centrale del testo insiste sul fatto che la Leica ha rotto la tradizionale esperienza fotografica, lenta, pesante, pensata, macchinosa, per una fotografia dinamica e disinibita, ove solo l'inventiva rappresenta un limite. Una summa delle sue esperienze, atta a dimostrare come la Leica fosse adatta ad un gran numero di situazioni fotografiche, un apparecchio realmente universale, grazie anche al notevole numero di obiettivi e la quantità di accessori,  e come dai suoi negativi si potessero trarre impeccabili stampe di grande formato. La copertina ripropone la nota immagine di Wolff che studia con la lente i piccoli negativi Leica, simbolo della sua esperienza fotografica.
Meno intenso dei precedenti, ma adatto a chi vuole conoscere sommariamente il lavoro di Wolff in un solo volume.

Infine ricordiamo che Wolff è stato forse il primo ad aggiungere alla fine delle sue introduzioni, il termine Gut Licht!, il noto e sempre attuale Buona Luce!